CHI SIAMO

Dopo un periodo di incontri e riflessioni per capire cosa oggi mancasse nel mondo dell’incoming, grazie alla volontà di un gruppo di professionisti già affermati nei settori di accoglienza turistica e mediazione linguistico-culturale, nella primavera del 2015 nasce VolcanoHub.

Il vulcano è un imponente elemento naturale che accomuna Italia e Giappone, così come comune è il rispetto misto a timore ed ammirazione nutrito dalle rispettive popolazioni nei suoi confronti.

Da una parte citiamo l’Etna, “il gigante d’Europa”, e il Vesuvio, “la montagna bella”, dall’altra il simbolo assoluto del Giappone, il Monte Fuji.

L’hub è, nei trasporti, l’aeroporto più grande, lo snodo principale e quindi un vero e proprio centro di connessione per passeggeri e merci; in informatica è il corpo centrale che inoltra le informazioni e i dati a tutti gli altri dispositivi.

Allo stesso modo VolcanoHub vuole essere un mezzo di connessione di idee e di persone, di sogni e di realtà, attraverso cui ci si affaccia ad un mondo autentico, senza artifici o contraffazioni.

Vogliamo favorire un turismo alternativo, esperienziale, responsabile, slow, nonchè l’accoglienza e la mediazione per chi volesse recarsi nei nostri Paesi o per chi avesse bisogno di altri servizi quali viaggi aziendali, consulenze, traduzioni etc…, permettendo così la migliore interazione tra i nostri ospiti ed il territorio di destinazione.

I nostri uffici si trovano in Italia (Torino) ed in Giappone (Kyoto).

Attualmente disponiamo di basi operative in numerose città, Torino, Milano, Roma, Napoli, Palermo, Cagliari, Tokyo, Kyoto, Hiroshima…, nelle quali sarete accolti dai nostri collaboratori. Questi, internazionali e multilingue, sono figure professionali con varie specializzazioni: guide ed accompagnatori turistici, autisti, cultori dello sport outdoor, consulenti del settore enogastronomico, del Made in Italy e del Made in Japan etc…

Inoltre numerosi partners sono distribuiti sul territorio italiano e giapponese per sopperire in loco ad ogni tipo di esigenza.

Come possiamo aiutarti?    Contattaci

 

Stefano Longo (Steo), si laurea nel 2007 in Lingue e Letterature Straniere (giapponese, spagnolo) presso l’Università degli Studi di Torino, discutendo, sulle orme di Fosco Maraini di cui è grande estimatore, una tesi di ricerca in ambito storico-antropologico sugli abitanti autoctoni del Giappone, gli Ainu.

Dal 2008 al 2011 si stabilisce a Kyoto, insegnando italiano e spagnolo presso istituti internazionali e collaborando fotograficamente con riviste locali.
Nel passato assiste in diverse occasioni la TV giapponese NHK e svolge incarichi da interprete e mediatore culturale.Negli anni più recenti lavora come accompagnatore turistico freelance per agenzie di viaggio: attualmente ha già accompagnato oltre 400 clienti in Giappone.

Parallelamente si dedica ad attività ricettive e di consulenze sul vino.Grande viaggiatore, appassionato di Culture e amante della Natura, visita e vive in diversi Paesi tra l’Europa, l’Oriente e l’America Latina.
Coltiva inoltre l’interesse per l’enogastronomia, approfondendo le sue conoscenze nel settore e diventando Sommelier.
Collabora con affermate realtà vitivinicole acquisendo esperienza nell’enoturismo e partecipando a eventi organizzati da Slow Food dove svolge diverse mansioni.

È infine amante della fotografia sin da bambino, privilegiando reportage e paesaggi: gran parte delle foto presenti sul sito sono tratte direttamente dal suo archivio personale.Oggi risiede a Torino, considerato il suo background urbano, ma non manca mai a lungo dalla sua radice naturale, l’isola di Ustica, prima Riserva Marina d’Italia dove, nell’azienda agricola di famiglia, si dà vita a vini e prodotti biologici tipici.Nella primavera del 2015 realizza VolcanoHub, un progetto pensato da tempo e finalmente compiuto.

Kei Tamura, dopo essersi laureato alla Facoltà di Legge presso l’Università di Okayama nel 2005, inizia a viaggiare per il Mondo utilizzando esclusivamente treni ed autobus locali. Con la macchina fotografica sempre in mano, visita grandi città e piccoli villaggi in oltre 65 Paesi del Mondo.

Quando termina il suo “percorso di scoperta”, si trasferisce nella capitale della Colombia, Bogotà, per studiare spagnolo presso l’Università Nazionale.
Successivamente vive nella Bassa California (Messico), lavorando come manager per una compagnia giapponese impegnata nel commercio del tonno.

Nel 2008 fa ritorno nella sua città nativa, Kyoto, dove fa conoscenza di Stefano con cui si instaura un rapporto di grande amicizia e stima reciproca.
In questo periodo lavora come membro del Progetto Internazionale del Turismo di Kyoto, che era stato fondato da una compagnia affiliata ad uno studio di registrazione. La sua mansione consiste nella gestione del marketing rivolto agli Europei e in particolare ai parlanti lingua spagnola.
Durante questa esperienza approfondisce le sue conoscenze sull’arte visiva come mezzo per esprimere idee, crea pubblicità che ancora oggi sono usate dal comune di Kyoto e vengono pubblicate in alcuni testi scolastici.

Dopo aver accettato un’offerta da una grande ditta giapponese, nel 2011 si sposta nuovamente in Messico dove lavora nell’amministrazione ed è il referente per lo sviluppo del mercato nel Centro e Sud America.

Fa ritorno a Kyoto nel 2013, dove inizia a lavorare per un suo nuovo progetto, focalizzandosi sullo stile di vita locale e favorendo le connessioni sociali: il Tombo Project, partner di VolcanoHub, ha come fine quello di promuovere lo sviluppo turistico ed economico nelle aree minori del Kansai (Giappone).

 

Stefano Longo (Steo), si laurea nel 2007 in Lingue e Letterature Straniere (giapponese, spagnolo) presso l’Università degli Studi di Torino, discutendo, sulle orme di Fosco Maraini di cui è grande estimatore, una tesi di ricerca in ambito storico-antropologico sugli abitanti autoctoni del Giappone, gli Ainu.Dal 2008 al 2011 si stabilisce a Kyoto, insegnando italiano e spagnolo presso istituti internazionali e collaborando fotograficamente con riviste locali.
Nel passato assiste in diverse occasioni la TV giapponese NHK e svolge incarichi da interprete e mediatore culturale.Negli anni più recenti lavora come accompagnatore turistico freelance per agenzie di viaggio: attualmente ha già accompagnato oltre 400 clienti in Giappone.
Parallelamente si dedica ad attività ricettive e di consulenze sul vino.Grande viaggiatore, appassionato di Culture e amante della Natura, visita e vive in diversi Paesi tra l’Europa, l’Oriente e l’America Latina.
Coltiva inoltre l’interesse per l’enogastronomia, approfondendo le sue conoscenze nel settore e diventando Sommelier.
Collabora con affermate realtà vitivinicole acquisendo esperienza nell’enoturismo e partecipando a eventi organizzati da Slow Food dove svolge diverse mansioni.È infine amante della fotografia sin da bambino, privilegiando reportage e paesaggi: gran parte delle foto presenti sul sito sono tratte direttamente dal suo archivio personale.Oggi risiede a Torino, considerato il suo background urbano, ma non manca mai a lungo dalla sua radice naturale, l’isola di Ustica, prima Riserva Marina d’Italia dove, nell’azienda agricola di famiglia, si dà vita a vini e prodotti biologici tipici.Nella primavera del 2015 realizza VolcanoHub, un progetto pensato da tempo e finalmente compiuto.

Kei Tamura, dopo essersi laureato alla Facoltà di Legge presso l’Università di Okayama nel 2005, inizia a viaggiare per il Mondo utilizzando esclusivamente treni ed autobus locali. Con la macchina fotografica sempre in mano, visita grandi città e piccoli villaggi in oltre 65 Paesi del Mondo.

Quando termina il suo “percorso di scoperta”, si trasferisce nella capitale della Colombia, Bogotà, per studiare spagnolo presso l’Università Nazionale.
Successivamente vive nella Bassa California (Messico), lavorando come manager per una compagnia giapponese impegnata nel commercio del tonno.

Nel 2008 fa ritorno nella sua città nativa, Kyoto, dove fa conoscenza di Stefano con cui si instaura un rapporto di grande amicizia e stima reciproca.
In questo periodo lavora come membro del Progetto Internazionale del Turismo di Kyoto, che era stato fondato da una compagnia affiliata ad uno studio di registrazione. La sua mansione consiste nella gestione del marketing rivolto agli Europei e in particolare ai parlanti lingua spagnola.
Durante questa esperienza approfondisce le sue conoscenze sull’arte visiva come mezzo per esprimere idee, crea pubblicità che ancora oggi sono usate dal comune di Kyoto e vengono pubblicate in alcuni testi scolastici.

Dopo aver accettato un’offerta da una grande ditta giapponese, nel 2011 si sposta nuovamente in Messico dove lavora nell’amministrazione ed è il referente per lo sviluppo del mercato nel Centro e Sud America.

Fa ritorno a Kyoto nel 2013, dove inizia a lavorare per un suo nuovo progetto, focalizzandosi sullo stile di vita locale e favorendo le connessioni sociali: il Tombo Project, partner di VolcanoHub, ha come fine quello di promuovere lo sviluppo turistico ed economico nelle aree minori del Kansai (Giappone).